Troia City, la verità sul caso Aléxandros

Troia City, la verità sul caso Aléxandros

una produzione Quartieri dell’Arte / Galleria Toledo
in collaborazione con Teatro In Fabula

testo di Antonio Piccolo
liberamente ispirato ai frammenti dell’Alessandro di Euripide

regia di Lino Musella

con Antonio Piccolo e Marco Vidino (cordofoni e percussioni)

elementi scenici: Paola Castrignanò
assistente alla regia: Melissa Di Genova
filmaker: Francesco Afro De Falco
consulenze filologiche: Lidia Di Giuseppe (greco antico), Antonio Gryllos (neogreco)

debutto > 23 ottobre 2019: Ufficio Turistico, Viterbo [QdA festival]
repliche > 24-27 ottobre 2019: Ufficio Turistico, Viterbo [QdA festival] | 30 ottobre-3 novembre 2019: Succorpo della Chiesa dell’Annunziata, Napoli

Note
Una lavagna, dei gessetti, la sabbia, dei giocattoli. Sulle tracce di una tragedia perduta, un investigatore  compie un’indagine per metterne insieme i pezzi, fare luce sui vuoti, ricostruirne la vicenda e i  personaggi.
Il testo di partenza è «Aléxandros», opera di Euripide che ci è giunta incompleta, sorta di “prequel” della guerra di Troia. E chi sarà mai questo Alessandro? Un semplice pastore, forse, eppure molto di più: il protagonista di un mito profondo e affascinante, esplorato ripetutamente dagli autori  antichi, ma quasi del tutto ignorato oggi. Un ottimo pretesto per un vero e proprio giallo.
La drammaturgia si serve allora dei frammenti della tragedia euripidea, passando liberamente dalla ricomposizione all’invenzione. Lo spettacolo si serve invece delle scorie delle devastazione: la distruzione di Troia, l’incendio della biblioteca di Alessandria, la perdita dell’infanzia. Un mondo del passato che tenta di riprendere vita col suono di un racconto, con una voce che canta in greco, con le  note degli strumenti che suonano dal vivo.