Le 95 tesi

Una storia di Lutero

Un’iniziativa del progetto “Napoli Città Giovane: i giovani costruiscono il futuro della Città”, promossa dall’Assessorato ai Giovani, Creatività, Innovazione del Comune di Napoli e realizzata nell’ambito dei Piani Locali Giovani – Città Metropolitane, promossi e sostenuti dal Dipartimento della Gioventù – Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall’Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani

Foto di scena | Trailer | Rassegna stampa

una produzione Teatro In Fabula

con Mario Autore, Giuseppe Cerrone, Aniello Mallardo, Alessandro Paschitto, Antonio Piccolo
drammaturgia e regia: Giuseppe Cerrone e Antonio Piccolo

aiuto regia: Melissa Di Genova
costumi: Anna Verde
elementi scenici: Antonio Genovese
editing musicale: Mario Autore
organizzazione: Giovanna Dipalma
foto di scena: Tiziana Mastropasqua
addetta stampa: Gabriella Galbiati

grazie a
Raffaele Ausiello, Paola Boccanfuso, Mezzocannone Occupato di Napoli,
Domenico Ingenito, Ex Asilo Filangieri, Andrea De Goyzueta, Stefano Ferraro,
Eduardo Di Pietro, Alessandro Errico, Giovanni Piccolo, Sergio Del Prete

– – – – –

anteprima> 7 dicembre 2013: Teatro Arvalia, Roma (Premio Dante Cappelletti)
versione studio > 17 dicembre 2013: Teatro Bertolt Brecht, Formia / 18 aprile 2014: Teatro Civico 14, Caserta / 23 aprile 2014: Chiesa Luterana, Napoli / 9 maggio 2014: Nostos Teatro, Aversa (NA) / 23 luglio 2014: Stufe di Nerone, Bacoli (NA) / 21-30 novembre 2014: Teatro Millelire, Roma
debutto > 27 gennaio 2015: Teatro Piccolo Bellini, Napoli
repliche > 29 maggio 2015: Chiesa Luterana, Napoli |
14-15 marzo 2017: Teatro Camploy, Verona | 18 marzo 2017: ex teatro dell’Accademia dei Solleciti, Firenze | 3 giugno 2017: Teatro Dal Verme, Milano | 5 giugno 2017: Teatro Gobetti, Torino

inoltre, è già andato in scena per le scuole _2_ volte

– – – – –

Note di regia

Lo spettacolo vuole offrire un punto di vista originale sull’uomo comune e sulle sue imperfezioni, sviluppando in particolare uno dei temi più cari all’uomo, ovvero quello dei sogni.
Il Lutero di questo lavoro non è solo il noto riformatore religioso. Non è tanto il personaggio storico del suo tempo. Questa storia di Lutero prende a pretesto gli avvenimenti storici, pur rispettandone la cronologia e i ruoli, e cala la sua parabola nella solitudine dell’uomo moderno, nella complessa psicologia del novecento, nella timorosa ricerca di riferimenti dei nostri giorni. Il Lutero di questo lavoro è prima di tutto Martino, un uomo, che pretende da coloro che impongono le regole di rispettarle e di dimostrarne la giustezza. “Le 95 tesi” non è un’apologia di Lutero, né una condanna. È piuttosto un elogio del dubbio e del pensiero critico.
“Le 95 tesi” è uno spettacolo recitato da attori del 2015, che ci raccontano una storia possibile di Martino Lutero. Che, guarda caso, si è svolta 500 anni fa. Ma, a vederla, non si direbbe.

Segui anche I diari di Lutero.