27 gennaio in scena al Piccolo Bellini

Siamo felici di comunicare finalmente la data in cui il nostro progetto Le 95 tesi – Una storia di Lutero vedrà la luce nella sua versione ultimata dopo un anno e mezzo di studio:

27 gennaio, ore 21 | Teatro Piccolo Bellini di Napoli

LE 95 TESI – UNA STORIA DI LUTERO

Lo spettacolo vuole offrire un punto di vista originale sull’uomo comune e sulle sue imperfezioni, sviluppando in particolare uno dei temi più cari all’uomo, ovvero quello dei sogni.
Il Lutero di questo lavoro non è solo il noto riformatore religioso. Non è tanto il personaggio storico del suo tempo. Questa storia di Lutero prende a pretesto gli avvenimenti storici, pur rispettandone la cronologia e i ruoli, e cala la sua parabola nella solitudine dell’uomo moderno, nella complessa psicologia del novecento, nella timorosa ricerca di riferimenti dei nostri giorni. Il Lutero di questo lavoro è prima di tutto Martino, un uomo, che pretende da coloro che impongono le regole di rispettarle e di dimostrarne la giustezza. “Le 95 tesi” non è un’apologia di Lutero, né una condanna. È piuttosto un elogio del dubbio e del pensiero critico.
“Le 95 tesi” è uno spettacolo recitato da attori del 2015, che ci raccontano una storia possibile di Martino Lutero. Che, guarda caso, si è svolta 500 anni fa. Ma, a vederla, non si direbbe.

La realizzazione dello spettacolo, che verrà presentato al Teatro Piccolo Bellini, rientra nel progetto “Napoli Città Giovane: i giovani costruiscono il futuro della Città”, promosso dall’Assessorato ai Giovani e Politiche Giovanili, Creatività e Innovazione e realizzato nell’ambito dei Piani Locali Giovani – Città Metropolitane, promossi e sostenuti dal Dipartimento della Gioventù – Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall’Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani.

“Le 95 tesi – Una storia di Lutero” verrà rappresentato al Teatro Piccolo Bellini di Napoli, nella sua versione completa e la serata, a cui parteciperà il sindaco Luigi De Magistris e l’Assessore Clemente, è ad ingresso gratuito, ma sarà possibile accedere solo su invito. Infine, alcuni rappresentanti di Teatro in Fabula illustreranno i motivi del loro progetto al pubblico presente in sala.

Per prenotazione e ricevere l’invito allo spettacolo: info@teatroinfabula.it.

Ufficio stampa e per richiesta accrediti: Gabriella Galbiati 320 21 66 484 – galbiatigabriella@gmail.com


27 gennaio | Teatro Piccolo Bellini di Napoli, ore 21

Teatro In Fabula presenta

LE 95 TESI – UNA STORIA DI LUTERO

progetto e regia: Giuseppe Cerrone e Antonio Piccolo
elaborato pensando ai testi di John Osborne, Roland H. Bainton, Luther Blissett
con Raffaele Ausiello, Sergio Del Prete, Aniello Mallardo, Alessandro Paschitto, Antonio Piccolo
costumi: Anna Verde | elementi scenici: Antonio Genovese | disegno luci: Renato Zagari | editing musicale: Mario Autore | organizzazione: Paola Boccanfuso | foto: Tiziana Mastropasqua | progetto grafico: Fabio Fusco | comunicazione: Giulia Esposito | ufficio stampa: Gabriella Galbiati | responsabile amministrativo: Stefano Torrese

Grazie a Mezzocannone Occupato di Napoli, Domenico Ingenito, Ex Asilo Filangieri, Andrea De Goyzueta, Stefano Ferraro, Eduardo Di Pietro, Alessandro Errico, Giovanni Piccolo, Melissa Di Genova.

95 tesi – Organizzazione

Per completare la presentazione della troupe che c’è dietro il progetto “Le 95 tesi – Una storia di Lutero”, su “I diari di Lutero” presentiamo oggi le persone che lavorano nell’ombra ma senza le quali il nostro teatro non potrebbe mai vedere la luce.


 

Paola Boccanfuso si occupa dell’organizzazione.

Classe 1984, è laureata in Giurisprudenza. Ha lavorato in rinomati Festival Teatrali e ha conseguito Master in Management degli eventi culturali, teatrali, cinematografici, musicali. Collabora con Taverna Est Teatro.


 

Giulia Esposito cura la comunicazione.

Classe 1986, è tra i fondatori del giornale di teatro “Quarta Parete”. Ha frequentato un corso di specializzazione in “Giornalismo e Comunicazione Multimediale” e un workshop in “Organizzazione delle istituzioni teatrali” presso l’ICRA Project. È laureata al corso di laurea specialistica in “Forme e tecniche dello spettacolo” presso l’Università La Sapienza di Roma con un lavoro di tesi sul teatro in carcere.


Gabriella Galbiati è l’addetto stampa.

Classe 1982, lavora stabilmente come addetto stampa per la casa editrice “Marotta&Cafiero” e per la compagnia teatrale Vodisca Teatro. È la Responsabile di Marotta&Cafiero Communications. Collabora stabilmente con la rivista di teatro “Quarta Parete”. È tra i fondatori dell’Associazione di Promozione sociale “Fantasmatica”.


Stefano Torrese è il responsabile amministrativo.

Classe 1985, ha conseguito con lo studio e l’esperienza capacità amministrative, logistiche ed organizzative. Ha lavorato su set cinematografici e televisivi come responsabile produzione, responsabile per la registrazione della presa diretta e responsabile logistico per Rai, Fandango, Sky, Foxtv, Hermann Film e altre. Per due anni è stato Account Executive e Responsabile di Produzione per la Big Bang Film Production.

L’EVENTO – le parole di Ugo Gregoretti

Una scena del film

Capita di frequente a un vecchio e sperimentato regista di ricevere in visione (quasi mai dietro richiesta) filmati amatoriali di varia pezzatura, opera di appassionati cineasti dilettanti che cercano, quasi sempre invano, di poter mostrare il frutto delle proprie fatiche a un pubblico latitante, tramite occasioni festivaliere generalmente sorde alle loro richieste di visibilità.

C’è da dire che in parte si tratta di una sordità comprensibile, poiché non poche di queste opere “prime” o “seconde” volontaristiche pare non abbiano i requisiti per essere accolte come opere cinematografiche propriamente dette. Io stesso, nonostante la tenerezza che provo per le passioni dilettantistiche dei giovani cineasti (quando non si tratta di presunzione), rifuggo il più possibile dalla visione delle loro opere, per risparmiare a me stesso noie e delusioni. Tanto più che il mio buon cuore mi impedisce di essere sincero nel giudizio quando il giudizio non potrebbe che essere negativo, e così alimento inconsciamente le illusioni degli autori.

Ma questa volta, finalmente, evviva! Sono incappato con sorpresa in un bel film e non ho bisogno di mentire: L’EVENTO è un bel film senza ombra di dilettantismo e di ingenuità (tranne che nel titolo forse…). Non saprei da che parte cominciare nell’enumerarne le qualità. Anzitutto la storia, che non si direbbe una delle tipiche e convenzionali storie di camorra, ma piuttosto un romanzone popolare napoletano del tardo ottocento, pieno di sotto-storie e di colpi di scena. Penso più che a qualche autore del nuovo genere thriller partenopeo, al grande Francesco Mastriani de I MISTERI DI NAPOLI, alla fertilità narrativa delle sue pagine, ai suoi ritmi e anche agli eccessi…

Poi gli attori, tutti eccellenti, dei quali non ricordo i nomi perché almeno per me sono tutti sconosciuti. Ma chi avrà insegnato al giovane protagonista a recitare in un modo così convincente i suoi ripetuti attacchi di epilessia? Chi glieli ha insegnati? In quale ACTOR STUDIUM ha studiato?

Colpiscono anche la paradossale bonarietà deprimente del feroce capo camorrista, il cinismo servile degli adepti, la complice apatia, la volgarità tellurica delle femmine di malavita, la dolcezza anche eroica delle giovani partner femminili. E poi gli assolati paesaggi ben fotografati da un sapiente operatore (chi sarà mai?), il ritmo della sceneggiatura, la padronanza della regia… Ma è mai possibile che un film così ricco di pregi e di intuizioni originali non abbia il diritto di conquistarsi la meritata attenzione?

Ugo Gregoretti

95 tesi: le Maestranze

Per “I diari di Lutero”, oggi presentiamo invece i preziosissimi collaboratori che arricchiranno con il loro talento il progetto “Le 95 tesi – Una storia di Lutero” stando fuori dal palco. Ricordiamo qui che “maestranza” deriva da “maestro”, dal latino “magistrum”: malgrado la giovane età anagrafica, la parola è qui più che appropriata.


Anna Verde si occupa dei costumi.

Classe 1987, è laureata all’Accademia di Belle Arti di Napoli, studiando scenografia, arti visive, progettazione e arti applicate. Ha lavorato come scenografa e/o costumista con Renato Carpentieri, Carlo Cerciello, Luciano Melchionna, Lello Serao, Niko Mucci, Massimo De Matteo, Aniello Mallardo, Paolo Cresta.


Antonio Genovese cura gli elementi scenici.

Classe 1983, ha studiato Scenografia con Tonino Di Ronza presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli. Ha progettato e realizzato scenografie ed installazioni per il Napoli Teatro Festival, “Brividi d’estate”, Museum, Festival Internazionale del ‘700 Musicale.
Ha lavorato con Renato Carpentieri, Luciano Melchionna, Peppe Barra, Giulio Scarpati, Paolo Cresta, Antonella Morea, Aniello Mallardo, Gabriele Russo, Giovanni Meola, Stefano Incerti.


Renato Zagari è il disegnatore luci.

Classe 1984, è stato per tre anni il direttore tecnico del Teatro Elicantropo di Napoli. Ha lavorato, come disegnatore e/o tecnico luci, con Carlo Cerciello, Aniello Mallardo, Cesare Accetta, Daniela Cenciotti.


Fabio Fusco cura il progetto grafico.

Classe 1983, ha studiato Scienze della Comunicazione a Napoli per poi specializzarsi in Comunicazione e Pubblicità all’Università di Urbino Carlo Bo. Da sempre appassionato di grafica e comunicazione tout court, lavora come grafico freelance. Ritorna alla collaborazione in ambito teatrale dopo aver curato nel 2010 e 2011 la grafica di due festival di residenze teatrali lombarde, allo Spazio Mil di Sesto San Giovanni (MI).


Mario Autore cura l’editing musicale.

Classe 1993, lavora fin da giovanissimo nel teatro ricoprendo vari ruoli (recitazione, drammaturgia, regia, musica). Ha studiato pianoforte con il M° Marcello Peluso e il M° Paola Casagrande. Ha lavorato come assistente musicale in “Mi manca la Giraffa” di Paolo Coletta, ne “La Madre” di Brecht con regia di Cerciello, in “Dentro la Cenere” di Pina di Gennaro.


Tiziana Mastropasqua è l’autrice delle foto di scena.

Classe 1978, è laureata in fotografia come linguaggio d’arte. Personale Origine, presso il Teatro Bellini di Napoli | collettiva Oniro, – l’Art Caffè Letterario di Roma a cura di Simona Cento | personale Origine – “In Form of Art Gallery” | Collettiva Seven – complesso monumentale San Severo al Pendino | collettiva In the Beginning – Largo Baracche, a cura di Ivan Piano e Maria Savarese | personale Heimlich – Palazzo Venezia | foto di scena del film Take five – regia G. Lombardi | Finalista al Premio nazionale delle arti con il progetto Heimlich | foto di scena del film Là-Bas – regia G. Lombardi.


Officine Video produrrà tutto il materiale video.

Giovanissimo gruppo che opera su Napoli e Roma, si occupa principalmente della realizzazione di videoclip musicali. Ha già curato riprese e backstage per Vinicio Capossela e Rocco Papaleo, backstage di film quali “La mossa del pinguino” con la regia di Claudio Amendola, “Ti sposo ma non troppo” con la regia di Gabriele Pignotta e lo spot della nuova carta Vodafone.


Infine, come ultima preziosissima risorsa, il progetto vede la giovanissima Cecilia Lupoli (1991) come consulente dei movimenti del corpo, e Aniello Mallardo (1982), altro fondatore Teatro In Fabula, come consulente alla drammaturgia.

L’EVENTO – 11 dicembre al cinema

Ci siamo: tra una settimana finalmente la prima!

Da giovedì 11 dicembre a martedì 16 dicembre 2014, presso il cinema San Marco di Benevento, in pieno centro storico: L’EVENTO, un thriller psicologico interamente girato nel Sannio.
In occasione della proiezione serale dell’11 dicembre, sarà presente il cast tecnico e artistico.
L’11 dicembre è prevista una sola proiezione, per la quale vi è già il SOLD OUT!

Dal 12 al 14 dicembre ci saranno due proiezioni al giorno: h 20 e h 22, sempre presso lo stesso cinema.
Il 15 dicembre il cinema è chiuso.
Dal 16 dicembre numero di proiezioni a discrezione dei gestori del cinema e delle richieste.

sito web: http://www.leventoilfilm.it

pagina ufficiale facebook: LEVENTO-un-film-di-Lorenzo-DAmelio

il trailer:

L’evento from Lorenzo D'Amelio on Vimeo.


CREDITS

Scritto e diretto da
LORENZO D’AMELIO

Fotografia
ALBINO IANNACE

Musiche originali
SIMONE CILIO

Casting TEATRO IN FABULA – Scenografia FRANCESCA MARIA OCONE

una produzione LORENZO D’AMELIO Film
produttori associati: Albino Iannace, Mario Penta, Valentino Santarcangelo

con:
RAFFAELE AUSIELLO, LUCIA ROCCO,
CECILIA LUPOLI, PIETRO JULIANO
GIUSEPPE DE VINCENTIS,
GENNARO DI COLANDREA,
MICHELE SCHIANO DI COLA,
ANTONIO PICCOLO,
GIUSEPPE CERRONE

con la partecipazione amichevole di
MASSIMILIANO ROSSI, MARCO MARIO DE NOTARIS, REI MOMO

e con
STEFANO FERRARO, ANNAMARIA PALOMBA, ANTIMO CASERTANO, PIERPAOLO PALMA,
ELVIRA FRANZESE, SERGIO DEL PRETE, ANTONIO GRAMAZIO, SIMONA DI MAIO,
ANNALISA DIRETTORE, NICOLA IANNACE, MASSIMO AMABILE

Montaggio e suono LORENZO D’AMELIO
Operatore MARIO PENTA
Fonico di Presa diretta VALENTINO SANTARCANGELO
Fotografo di scena ANTONIO GRAMAZIO

Musiche di: Vòrja, Rei Momo, Rapuano – Saetta 4et, La Piccola Orchestra a Manovella

Genere: Thriller Psicologico – Durata 111’

95 tesi: Cast Artistico

Per “I diari di Lutero”, oggi andiamo a presentare il cast più strettamente artistico del progetto “Le 95 tesi – Una storia di Lutero” che continua ad evolversi giorno per giorno.


Raffaele Ausiello è Il Papa.

Classe 1983, ha studiato presso il Teatro Elicantropo di Napoli con Carlo Cerciello. È stato diretto dallo stesso Cerciello (“Ecuba” con Isa Danieli, e altri), Renato Carpentieri, Luciano Melchionna, Aniello Mallardo, Walter Manfrè, Rosario Sparno, Anna Redi, Pino Carbone, Francesco Saponaro (“Occhi gettati” con Enzo Moscato). A cinema è stato protagonista de “L’evento” di Lorenzo D’Amelio e di “Nei molti mondi” di Guido Acampa e Gabriele Frasca. È tra i fondatori del collettivo Teatro In Fabula.


Giuseppe Cerrone cura la regia insieme ad Antonio Piccolo.

Classe 1976, ha studiato presso il Teatro Elicantropo di Napoli con Carlo Cerciello. Ha lavorato con Carlo Cerciello, Marina Confalone, Gianfelice Imparato, Pierpaolo Sepe, Pino Carbone, Raffaele Di Florio, Aniello Mallardo, Nicola Laieta. Come regista, a quattro mani con Antonio Piccolo, ha messo in scena – tra gli altri – “Due fratelli” di Paravidino, “Un dramma” da un racconto di Čechov. È tra i fondatori del collettivo Teatro In Fabula.


Sergio Del Prete è Il Venditore di Indulgenze.

Classe 1986, inizia la sua formazione con i registi Giuseppe Sollazzo e Pino L’Abbate. Segue corsi di formazione con Michele Monetta e Stefano Angelucci sulla commedia dell’arte. Interpreta il ruolo del Capo nello spettacolo “L’udienza” di Vaklav Havel per la regia di Antimo Casertano. Lavora anche in “Occhi gettati” con Enzo Moscato per la regia di Francesco Saponaro (Teatri Uniti). Attualmente è in una produzione della compagnia Gli Ipocriti.


Stefano Ferraro è Il Frate Sincero.

Classe 1983, ha studiato presso il Teatro Elicantropo di Napoli con Carlo Cerciello. Ha lavorato con lo stesso Cerciello, Aniello Mallardo, Walter Manfrè, Rosario Sparno, Paolo Coletta. È stato il protagonista di “Football, football” scritto e diretto da Haris Pasovic (Napoli Teatro Festival 2010). Ha interpretato Agrippa nell’ “Antonio e Cleopatra” diretto da Luca De Fusco. È tra i fondatori del collettivo Teatro In Fabula.


Alessandro Paschitto è Il Legato Papale.

Classe 1992, ha studiato presso il Teatro Elicantropo di Napoli con Carlo Cerciello. Ha lavorato con lo stesso Cerciello, Pina Di Gennaro, Dario Aquilina (Teatro dell’Anima). Il Collettivo Lunazione, di cui fa parte, ha messo in scena una sua originale riscrittura in versi del “Troilo e Cressida” di Shakespeare.


Antonio Piccolo è Martino Lutero
e cura la regia insieme a Giuseppe Cerrone.

Classe 1987, ha studiato presso il Teatro Elicantropo di Napoli con Carlo Cerciello e alla Scuola di Mimo Corporeo dell’ICRA con Michele Monetta. Ha lavorato con Carlo Cerciello, Marina Confalone, Silvana Pirone (Teatro di Legno), Raffaele Di Florio, Aniello Mallardo, Walter Manfrè, Francesco Saponaro, Enzo Moscato. Come regista, a quattro mani con Giuseppe Cerrone, ha messo in scena – tra gli altri – “Due fratelli” di Paravidino, “Un dramma” da un racconto di Čechov. È tra i fondatori del collettivo Teatro In Fabula.

Una settimana: doppio impegno

Una settimana molto intensa per Teatro In Fabula, impegnata su doppio fronte. Debutta a Napoli la nuova regia di Aniello Mallardo, mentre e Roma va in scena una nuova tappa del progetto di Cerrone-Piccolo su Lutero. Di seguito i dettagli.


20 – 23 novembre
Napoli | Teatro Sala Ferrari

VARIAZIONI ENIGMATICHE

di Eric-Emmanuel Schmitt
con Gianni Caputo e Mario Troise
regia di Aniello Mallardo

Si consiglia la prevendita: tutte le informazioni qui.


21 – 30 novembre
Roma | Teatro Millelire

LE 95 TESI_studio 2.0

con Raffaele Ausiello, Sergio Del Prete, Stefano Ferraro, Alessandro Paschitto, Antonio Piccolo
drammaturgia e regia di Giuseppe Cerrone e Antonio Piccolo

Tutte le informazioni sulle date romane qui. Segui anche il blog I diari di Lutero.

Date romane per il nostro Lutero

È arrivato il momento di comunicare le date e tutte le informazioni relative alla nostra trasferta romana. Teatro In Fabula si trasferisce per dieci giorni per sottoporre al pubblico della capitale il nostro progetto in itinere sul grande riformatore tedesco.

21 – 30 novembre
Roma | Teatro Millelire

LE 95 TESI – UNA STORIA DI LUTERO

studio 2.0


“Tentano di far di me un simbolo, ma io sono un uomo in carne ed ossa, fratello”

una produzione
Teatro In Fabula

con
Raffaele Ausiello, Sergio Del Prete, Stefano Ferraro, Alessandro Paschitto, Antonio Piccolo

drammaturgia e regia
Giuseppe Cerrone e Antonio Piccolo

ispirato ai testi di
John Osborne, Roland H.Bainton, Luther Blissett

disegno luci Renato Zagari | editing musicale Mario Autore | maschere Antonio Genovese
foto Tiziana Mastropasqua | progetto grafico Fabio Fusco | ufficio stampa Rosario Capasso e Laura Belloni
comunicazione Giulia Esposito | organizzazione Paola Boccanfuso

SPETTACOLI:
giovedi, venerdi e sabato alle 21:00
domenica alle 18:00
lunedì, martedì e mercoledì riposo

BIGLIETTI:
intero 12 euro
ridotto 10 euro
ridotto online 8 euro

TEATRO MILLELIRE
via Ruggero di Lauria, 22, Roma
– Prati, via Candia – vicino fermata della metro Cipro
tel. 06.397.51.063 – info@millelire.org